Logo




Newsletter - maggio 2018

 

Novità giurisprudenziali

 

Cassazione del 14/5/2018, n. 11687 sez. II civile

Quando un fabbricato per cui è stata presentata variazione in Catasto non ha ancora avuto l’attribuzione dell’identificativo catastale definitivo, la mancata indicazione nel quadro B della nota degli estremi catastali con cui l’immobile era identificato in precedenza non incide sulla validità della trascrizione, purché nella nota sia riportato il numero di protocollo della variazione catastale

 

La nota deve contenere gli elementi previsti dall’articolo 2659 del codice civile e riguarda il singolo negozio giuridico oggetto dell’atto cui la nota si riferisce. In particolare, l’articolo 2659 n 4 prevede l’inserimento nella nota della natura dei beni e della situazione dei beni a cui il titolo si riferisce

 

Cassazione del 18/5/2018, n. 12226 sez. VI-2 civile

La mancata consegna del certificato di agibilità non determina la risoluzione del contratto preliminare per inadempimento del venditore, perché la situazione deve essere valutata nel caso concreto e, qualora sia appurabile che le difformità rispetto al progetto edilizio originario siano state sanate tramite concessione in sanatoria, pagamento del relativo importo e formazione del silenzio assenso, la risoluzione non può essere pronunciata

 

Presupposto dell’inadempimento si ritiene l'oggettiva mancata realizzazione dell’interesse del creditore tenendo conto del sinallagma tra le prestazioni e del comportamento delle parti nel caso specifico.

 

P.IVA 09387740013

 

notaioannapolimeno.it

 

Per cancellarti dalla newsletter clicca qui