Logo




Newsletter -  settembre 2017

 

Novità giurisprudenziali

 

Cassazione del 11/9/2017, n. 21036 sez. VI-I civile

Il recesso è un atto unilaterale recettizio e, nelle società di persone, la liquidazione della quota a seguito del recesso è un effetto stabilito dalla legge, con la conseguenza che, una volta comunicato il recesso alla società, il socio perde il diritto agli utili, anche se non ha ancora ottenuto la liquidazione della quota

 

Il recesso è un diritto potestativo, personale, che si ritiene modulabile contrattualmente in relazione alle modalità di esercizio, ma non rinunciabile aprioristicamente

 

Cassazione del 13/9/2017, n. 21212 sez. I civile

Nel caso di accettazione di eredità con beneficio di inventario, laddove l’erede abbia alienato un bene facente parte dell’asse ereditario senza autorizzazione giudiziale, l’azione dei creditori del defunto per far accertare giudizialmente la responsabilità illimitata dell’erede può essere esperita solo dopo il compimento dell’atto non autorizzato

 

Vale il principio generale stabilito dall’articolo 2935 del codice civile per cui la prescrizione incomincia a decorrere dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere

 

 

 

P.IVA 09387740013

 

notaioannapolimeno.it

 

Per cancellarti dalla newsletter clicca qui